Salta al contenuto


Scuola Normale Superiore di Pisa 1810-2010 - Bicentenario

Scelta veloce: Salta al contenuto | Menù principale | Focus on | Credits & copyright | Privacy policy


Il bicentenario


In evidenza

Personaggi mostra Foto storica Piazza dei Cavalieri Piazza dei Cavalieri, Scuola Normale Foto storica allievi Foto di gruppo allievi della Scuola Normale, 2010 Foto consegna diplomi agli allievi della Scuola Normale, 18 ottobre 2010, Teatro Verdi di Pisa Piazza San Silvestro, prima sede della Scuola Normale

Main menu

Sei nella pagina: Home > La giornata del 18 ottobre >

La giornata del 18 ottobre

I duecento anni di vita della Scuola Normale Superiore con il Presidente della Repubblica Italiana Giorgio Napolitano

Cerimonia al Teatro Verdi,  con interventi di Salvatore Settis, Fabio Beltram, Olivier Faron, Sabino Cassese,  dopo un video messaggio di Carlo Azeglio Ciampi

18 ottobre 1810. 18 ottobre 2010. Duecento anni di vita, uno stato di salute invidiabile con il 30% del proprio budget investito ogni anno in ricerca, il 12% dei propri allievi proveniente dall’estero, un bilancio di studenti “eccellenti” in continua crescita. Oggi la Scuola Normale Superiore ha festeggiato il suo bicentenario di nascita. Lo ha fatto non tanto celebrando i propri successi, ma con una riflessione sulla sua identità nel passato, sulla sua missione per il futuro e sul valore e il ruolo della cultura e della scienza nella società attuale, in Italia e in Europa.

Il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano ha assistito alla cerimonia di consegna dei diplomi di licenza a 108 normalisti, al Teatro Verdi di Pisa e  ha poi preso la parola per un discorso ad ampio raggio sulla ricerca e l'alta formazione in Italia, non senza avere espresso riconoscimento e gratitudine alla Scuola Normale "per il contributo esemplare che, anche dal 1946 ad oggi, ha dato e continua a dare alla formazione e alla selezione della classe dirigente nazionale nelle sue migliori espressioni politiche e culturali, e per l'impegno civile che sempre esprime, al servizio della convivenza democratica e tenendo alto il prestigio internazionale del Paese". I normalisti di oggi, e i normalisti di ieri, come il Presidente emerito della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi – allievo dal 1937 al 1941 - che è intervenuto con un video messaggio e ha ricordato il ruolo della Scuola Normale nella sua vita e in quella dell’Italia. “La crisi è culturale”, ha insistito Ciampi e dunque istituzioni come la Normale sono fondamentali per risollevare le sorti del Paese. La riflessione dei Proff. Salvatore Settis e Fabio Beltram, rispettivamente attuale e prossimo direttore della Scuola Normale Superiore, ha riguardato più da vicino l’identità della Normale. “Bene comune, uguaglianza e valorizzazione del merito” sono i tre assi portanti che Settis ha tenuto a sottolineare. Beltram ha annunciato che alla Scuola è in atto “una profonda ricognizione, una riflessione sul suo perimetro culturale attuale e futuro”, perché la Scuola è come sempre proiettata in avanti, per vincere la sfida del tempo.

L’intervenuto del prof. Sabino Cassese, giudice della Corte costituzionale e docente della Normale, ha riguardato “Il ruolo della Scuola Normale nella vita civile dell’Italia”, e ha aperto il  simposio proseguito nel pomeriggio presso il Palazzo della Carovana e dedicato a “Il futuro di una tradizione: formazione d’eccellenza nell’Europa contemporanea”, con interventi di Robert Anderson, Lutz Raphael, Daniele Menozzi, Mauro Moretti, Gilles Pécout.

La giornata si è conclusa con l’ appuntamento inaugurale della stagione concertistica della Normale, giunta alla 44esima stagione. Jordi Savall ha diretto l'orchestra Le Concert des Nations in una serie di brani di autori dal diciassette al diciannovesimo secolo.



Extras


© 2010 Scuola Normale Superiore di Pisa - Piazza dei Cavalieri, 7 - 56126 Pisa | Income tax code 8000 5050507
ph. +39.050.509111 | fax. +39.050.563513 | PEC info (@) pec.sns.it